Home / Torino e Provincia / Balme / BALME. Ci sarebbe una truffa da 160mila euro dietro l’incendio dell’albergo Camussot
L'Antico Albergo Camussot di Balme in fiamme

BALME. Ci sarebbe una truffa da 160mila euro dietro l’incendio dell’albergo Camussot

Ci sarebbe una truffa da 160 mila euro ai danni della Regione Piemonte dietro l’incendio dello storico albergo Camussot, a Balme, nelle Valli di Lanzo, che ebbe tra i suoi ospiti più illustri Eleonora Duse e Gabriele D’Annunzio. L’ha scoperta la Guardia di finanza di Torino che ha denunciato quattro persone: un imprenditore edile, la titolare dell’albergo, il marito e l’amministratore di una cooperativa. Le fiamme gialle hanno accertato, seguendo un filone di ‘rapporti economici anomali’, il passaggio di cospicue somme di denaro per fatture che non corrispondevano a lavori svolti nel cantiere dove non sono mai stati impiegati né uomini né mezzi dell’impresa torinese coinvolta nell’inchiesta come pure una cooperativa di Ala di Stura (Torino), in rapporti commerciali con l’imprenditore. Ma anche in questo caso le indagini hanno scoperto che la cooperativa, che aveva ottenuto lavori in subappalto, non è mai stata in possesso di mezzi e attrezzature per l’edilizia. L’imprenditore, l’albergatrice il marito sono stati denunciati per truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche. Quest’ultimo è accusato anche di emissione di fatture per operazioni inesistenti, occultamento e distruzione di documenti contabili. Anche il legale rappresentante della cooperativa è stata deferito alla Procura di Ivrea per l’emissione di fatture inesistenti.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Orleto Verre

CHIAVERANO. Il paese scosso per l’improvvisa scomparsa di Orleto Verre

La scorsa notte è mancato improvvisamente Orleto Verre a soli 63 anni. Una scomparsa del …

Emergenza coronavirus

Martedì 26 maggio. Coronavirus: oggi in Piemonte 14 decessi

Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti, cioè …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *