Home / Home / BALANGERO. L’ordinanza del sindaco per preservare la sicurezza in caso di pioggia forte
pioggia
pioggia

BALANGERO. L’ordinanza del sindaco per preservare la sicurezza in caso di pioggia forte

Nei giorni scorsi il sindaco di Balangero, Franco Romeo, ha diramato un’ordinanza con l’obiettivo di preservare il territorio da eventi alluvionali. Tutto nasce dalle preoccupazioni per le precipitazioni, che nei mesi scorsi hanno causato allagamenti di strade, aree pubbliche e private.

Detto questa, spetta ai proprietari la sistemazione dei corsi d’acqua minore, la pulizia di alvei e sponde in corrispondenza delle opere di attraversamento.

È infatti necessario pulire torrenti e rii al fine di mantenerli sgombri da materiali e depositi di qualsiasi genere e da vegetazione arborea ed erbacea.

Eppure molti fondi adiacenti ai suddetti corsi d’acqua sono tuttora in stato di totale o parziale abbandono, con il conseguente aumento dei rischi di esondazione ma anche del peggioramento delle condizioni igienico-sanitarie per la proliferazione di zanzare, topi e altri animali che possono essere portatori di malattie trasmissibili all’obbligo.

Di qui l’ordinanza del sindaco perché “è indispensabile ribadire certi obblighi”. I proprietari e conduttori dei terreni vicini ai corsi d’acqua, compresi rii minori e impluvi naturali su tutto il territorio del Comune, sono tenuti a provvedere direttamente ai lavori di manutenzione degli alveii dei rii per garantire il rapido deflusso delle acque, e precisamente di provvedere entro una fascia massima di 5 metri dal ciglio di sponda a diverse sistemazioni. Dallo sfalcio e l’eliminazione della vegetazione sulle rive e nell’alveo dei corsi d’acqua al taglio dei rami degli alberi che si protendono oltre il confine della proprietà, dalla pulizia e all’espurgo in modo da garantire il libero deflusso delle acque al mantenimento delle sponde in modo da impedire il franamento di terreno.

I cittadini sono tenuti a svolgere questi lavori entro il 30 novembre. È inoltre vietato incendiare la vegetazione, usare diserbanti ed essiccanti, rimuovere le ceppaie degli alberi che sostengono le sponde del corso d’acqua. Chi non provvederà, rincorrerà in salate multe.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Esistono.

Esistono.. Esistono persone dall’animo squallido che pensano solo al profitto e all’interesse, questi personaggi non …

SETTIMO. Cernusco: “Alleanze anche con Corgiat per battere la Piastra”

È un Gianluigi Cernusco scoppiettante quello che commenta il primo anno e mezzo dell’amministrazione della sindaca …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *