Home / Dai Comuni / ATTUALITÀ. Concessioni autostradali: ecco i dubbi

ATTUALITÀ. Concessioni autostradali: ecco i dubbi

Da circa 2 anni all’interno del Consiglio Metropolitano e con il coinvolgimento della Conferenza dei Sindaci Metropolitani abbiamo posto il tema del rinnovo delle concessioni autostradali presenti sul territorio della Città Metropolitana oggetto di scadenza.

Ad oggi l’ATIVA, società partecipata dalla Città Metropolitana con circa il 20% delle quote, ha la gestione e l’esercizio delle autostrade Torino-Ivrea-Valle d’Aosta, Ivrea-Santhià e Sistema Autostradale Tangenziale di Torino e della diramazione autostradale Torino-Pinerolo, nonché la progettazione, la costruzione, la gestione e l’esercizio di tutti gli eventuali relativi completamenti, diramazioni e raccordi.

Negli anni la quota pubblica detenuta ha generato un’entrata finanziaria certa da destinare alla manutenzione ordinaria della rete stradale (pari a circa 4/5 milioni di Euro all’anno) ed ha consentito alla Provincia – oggi Città Metropolitana – di dialogare efficacemente contribuendo a “pensare” le infrastrutture necessarie al territorio (in questi anni sono state realizzate tante infrastrutture d’intersezione con il sistema autostradale che hanno migliorato la viabilità provinciale).

La relativa concessione è scaduta nel 2016 ed il Ministero, anche alla luce delle recenti modifiche normative che hanno accentrato a livello nazionale la competenza su queste infrastrutture, sta lavorando al bando di gara, senza alcuna interlocuzione con la Città Metropolitana.

La Conferenza Metropolitana, peraltro, in data 11 Dicembre 2017, ha approvato un ordine del giorno, su proposta del Consiglio Metropolitano, ad oggetto “Nuovi criteri per il rinnovo delle concessioni autostradali a tutela dei territori. Atto di indirizzo”, con l’obiettivo prioritario di tutelare gli interessi del nostro territorio, dei cittadini e della Città Metropolitana.

In quella sede sono emerse con forze esigenze di soppressione di alcuni caselli (Beinasco, Falchera, Rivoli, Trofarello), di rivedere il pedaggiamento e di

procedere ad investimenti importanti attesi da anni, quali il nodo idraulico di Ivrea (tratta A5 Torino – Quincinetto), e corso Marche di Torino, ossia il completamento dell’anello della tangenziale migliorando l’attraversamento nord/sud.

Inoltre la rete stradale provinciale necessita di urgente manutenzione ordinaria e straordinaria che oggi Città Metropolitana fatica a finanziare e che potrebbe essere posta in capo ai concessionari autostradali, quantomeno in relazione alle tratte stradali afferenti al sistema autostradale.

In questo contesto a seguito di ripetute interpellanze abbiamo appreso nel corso degli ultimi Consigli Metropolitani che il bando è prossimo alla pubblicazione da parte del Ministero e che non ci sono interlocuzioni attive con Città Metropolitana relativamente alla tutela dei bisogni del territorio e delle modalità di concessione, con pesanti potenziali riflessi sui dividendi che oggi l’ente riceve da ATIVA.

Per questa ragione abbiamo ritenuto opportuno promuovere un momento di incontro/confronto pubblico  urgente (tenutosi ieri lunedì 22 luglio, ndr) finalizzato a sensibilizzare i parlamentari eletti sul territorio della Città Metropolitana, i Sindaci dei Comuni e le Parti Sociali su questo tema, con l’obiettivo di convenire iniziative utili ad aprire un confronto con il Governo e il Ministero a tutela degli interessi del nostro territorio.

I Consiglieri della Lista Città di Città in Città Metropolitana

Roberto Montà

Alberto Avetta

Monica Canalis

Mauro Carena

Maria Grazia Grippo

Silvio Magliano

Claudio Martano

Maurizio Piazza

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CHIVASSO. Le Sardine anche qui: “Serve aria fresca nella politica cittadina”

Sono poco più di cento, ma in costante crescita, le sardine chivassesi. Il gruppo è …

CHIVASSO. Massaggi “bars” all’elementare: su facebook è colpa dei giornalisti “cattivi”

Continua in città la discussione sui fatti della scuola elementare “Dasso”. Purtroppo alcune reazioni sono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *