Home / Piemonte / Asti / ASTI. Vino: Moscato d’Asti Canelli cresce, +90% dal 2011
Uva Moscato
Uva Moscato

ASTI. Vino: Moscato d’Asti Canelli cresce, +90% dal 2011

La denominazione è giovane ma in pochi anni ha segnato un incremento del 90% approdando con facilità sui mercati esteri. Il Canelli, la sottozona del Moscato d’Asti docg che può essere prodotta nelle vigne più vocate di 23 Comuni fra il Sud Astigiano e la Langa, è in costante crescita dalla prima vendemmia del 2011.
“Ormai è un obiettivo quasi certo arrivare alle 500 mila bottiglie nel 2018 e anzi andare oltre per puntare al milione di bottiglie in pochi anni – commenta Gianmario Cerutti, presidente dell’Associazione Produttori Moscato Canelli -. La crescita degli ultimi anni è dovuta alla rivendicazione del Canelli di nuove e importanti aziende: oggi siamo 17, ma entro la fine dell’anno supereremo le venti”.
Per promuovere questa eccellenza sabato 7 luglio, a Canelli, torna la lunga notte “dolce”, quinta edizione de “Il Canelli e i colori del vino”, una manifestazione organizzata organizzata dall’Associazione Produttori Moscato Canelli in collaborazione con l’Enoteca Regionale di Canelli e dell’Astesana, il Comune e la Pro loco Antico Borgo Villanuova.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Lanzo – Cassa integrazione, sì fino a 18 settimane, ma restano non poche incertezze interpretative

La ripartenza del sistema economico dopo il lungo lockdown stenta a decollare, soprattutto nelle aree …

SETTIMO T.SE. Prelievo Fidas per giovedì 4 giugno solo con prenotazione

La sezione Fidas donatori sangue ha fissato per giovedì 4 giugno una raccolta di sangue …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *