Home / Piemonte / Asti / ASTI. Uccise moglie e inscenò rapina, sorella vittima parte civile
Il Tribunale di Asti

ASTI. Uccise moglie e inscenò rapina, sorella vittima parte civile

È iniziato in tribunale ad Asti, con un rinvio, il processo nei confronti di Arturo Moramarco, 58 anni, macellaio di Canove di Govone (Cuneo) reo confesso di aver ucciso la moglie Roberta Perosino, 53 anni e di aver simulato un furto per nascondere l’omicidio, avvenuto il 26 giugno 2018 nella loro abitazione. Il giudice Alberto Giannone ha rinviato al 28 ottobre il processo, che si celebra con rito abbreviato e a porte chiuse, su richiesta della difesa. La sorella della vittima, Luciana si è costituita parte civile ed è rappresentata dagli avvocati Piero Gallo e Luciana Ferroglio. L’imputato è difeso da Marco Calosso. La donna sarebbe morta soffocata al termine di una lite coniugale a causa del vizio del gioco del coniuge. Moramarco quella mattina chiamò il 112 dicendo di aver trovato la moglie a terra, forse colta da malore dopo una presunta visita di ladri. Le indagine, condotte dai carabinieri di Alba e dal Nucleo investigativo di Cuneo, erano state coordinate dai pm Simona Macciò e Giorgio Nicola.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

TORINO. Il Consiglio regionale ha votato oltre 50 nomine

Il Consiglio regionale del Piemonte ha votato oltre 50 nomine. Per l’Istituto zooprofilattico sperimentale del …

TORINO. Natale, Appendino punta sulla magia

Anche quest’anno il Natale torinese è all’insegna della magia e porta in città alcuni fra …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *