Home / Piemonte / Asti / ASTI. Furti macchinari da cantiere, Polstrada arresta ricettatori

ASTI. Furti macchinari da cantiere, Polstrada arresta ricettatori

Avevano rubato macchinari da cantiere di ingente valore, che poi rivendevano in Piemonte e Lombardia, con base nell’hinterland milanese. Quattro romeni sono stati arrestati, poiché gravemente indiziati di ricettazione e furto, dalla pg del Compartimento di Polizia stradale di Torino, coordinati dalla procura di Asti, nel corso dell’operazione chiamata ‘Orient express’. Le indagini erano partite a gennaio scorso dal furto di un autocarro e due escavatori, del valore di 200 mila euro, da un’azienda della provincia di Asti. I mezzi erano stati trovati e sequestrati dai carabinieri della stazione di Tortona (Alessandria) in un parcheggio a Pontecurone (Alessandria). Gli accertamenti successivi della pg hanno portato alla ricostruzione dei percorsi autostradali fatti dai veicoli rubati e da un’auto civetta che li scortava. A bordo c’erano tre romeni, probabili autori di altri furti, uno tentato e uno riuscito di macchine operatrici e materiali da cantiere avvenuto nella provincia di Bergamo. La banda si appoggiava a un ricettatore egiziano nel Milanese. Nel corso delle perquisizioni in due capannoni di San Donato Milanese (Milano) e Vidigulfo (Pavia) la pg ha sequestrato ingenti quantitativi di beni, frutto di altri colpi, e documenti riconducibili al furto di un altro mezzo da cantiere del valore di oltre 150 mila euro, avvenuto a giugno 2018, in un’altra ditta edile di Asti. Altre due persone sono ancora ricercate per gli stessi reati. 

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

TORINO. Slot illegali, sequestrati falsi apparecchi anti-ludopatia

Venivano presentati come fantomatici ‘dispositivi medicali contro la ludopatia’, ma erano slot machine illegali, molto …

TORINO. Ferrovie:Torino-Ceres e Canavesana; Gabusi, la battaglia continua

“Le battaglie per la Torino-Ceres e per la Canavesana continuano. Abbiamo voluto aspettare l’audizione alla …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *