Home / Italia / AREZZO. Conte all’Anci, basta fare cassa a danno dei Comuni
GIUSEPPE CONTE PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

AREZZO. Conte all’Anci, basta fare cassa a danno dei Comuni

I Comuni al centro dell’agenda di Governo. Dal premier Giuseppe Conte ai ministri che hanno incontrato i sindaci riuniti in assemblea ad Arezzo sono arrivati impegni, in manovra e non solo, a sostenere gli enti territoriali e la promessa di evitare di chiedere ulteriori sacrifici. Lo Stato “non deve più – ha detto Conte – far cassa a danno dei Comuni”, definiti più volte “alleati”. Occorre, ha insistito il presidente del Consiglio, “superare definitivamente la stagione dei tagli lineari, che ha privato i territori di risorse preziose, penalizzando soprattutto gli investimenti e le infrastrutture”. Messaggi forti sono stati trasmessi all’Anci anche da Luciana Lamorgese, che ha ribadito come il suo ministero dell’Interno sia “la casa delle autonomie” e ha evidenziato come priorità quella di “favorire gli enti che dal punto di vista finanziario hanno la possibilità di assumere personale, anche oltre gli attuali vincoli normativi legati alla capacità di turn over”. E dal ministro degli Affari regionali Francesco Boccia: “Intorno ai Comuni stiamo costruendo l’idea di autonomia differenziata del paese”, ha detto. Mentre il ministro alle Infrastrutture Paola De Micheli ha previsto per il 2020 “un colpo alla riapertura dei cantieri abbastanza significativo”. Infine, la titolare della Pubblica amministrazione Fabiana Dadone ha promesso entro la fine dell’anno il decreto sul turn over. Ma è stato soprattutto il discorso di Conte, fermato da diversi primi cittadini che hanno voluto foto con lui, il cuore della seconda giornata di lavori. Richiamando le relazioni di ieri, del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, e del presidente Anci Antonio Decaro, anche Conte ha parlato di una “grave emergenza per le periferie”, aggiungendo che “dobbiamo occuparcene al più presto in modo efficace. In prospettiva dobbiamo rendere strutturale il fondo periferie”, ha detto, ricordando anche la necessità di non rassegnarsi “a un’Italia a più velocità”. Seppur “in piena manovra economica, e quindi nella “difficoltà di far quadrare i conti”, Conte ha assicurato che l’Esecutivo sta facendo “il massimo sforzo per reperire risorse per innalzare l’indennità minima dei sindaci dei piccoli comuni”. Ha annunciato che nel decreto terremoto la misura ‘resto al sud’ sarà estesa anche al centro Italia. Infine non ha dimenticato chi ha subito danni dal maltempo degli ultimi giorni: “Senza alcuna distinzione, stiamo raccogliendo tutte le richieste” di stato di emergenza. “Giovedì – ha proseguito – abbiamo un ulteriore Consiglio dei ministri in cui porteremo tutte le richieste che ci sono pervenute e che abbiamo istruito: non vi lasceremo soli”. Prospettive, quelle delineate dal premier e dai ministri, valutate positivamente dal presidente Decaro, che però ha evidenziato un problema di tempi sulle risorse, in particolare sulla spesa corrente. 

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

BOLOGNA. Mercatone Uno: niente rimborsi per oltre diecimila clienti

Hanno versato oltre 4,5 milioni di euro di acconti per cucine e arredamenti, ma ora …

ROMA. Sisma Albania: 2 bimbi feriti vedono Buffon e Ronaldo

Due bambini albanesi, Aurelin e Alesjon, che erano rimasti feriti volando dalle finestre di un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *