Home / Attualità / AOSTA. Morto sbalzato da gommone rafting, due rinviati a giudizio
Condanne

AOSTA. Morto sbalzato da gommone rafting, due rinviati a giudizio

Ci sono due rinviati a giudizio per la morte in un’incidente di rafting dell’assistente capo della polizia stradale di Ovada (Alessandria) Paolo Repetto, di 47 anni. Il 7 agosto del 2013 cadde e annegò nella Dora Baltea all’altezza di Pré-Saint-Didier, a causa del rovesciamento del gommone su cui si trovava con colleghi e amici, rimasti illesi.
Accusati di omicidio colposo Alejandro Sopranzi (44), presidente dell’asd Adventure center, e Pablo Garcia (38), che era alla guida del gommone.
Le altre persone sbalzate dal gommone furono recuperate dalle acque del fiume poco più a valle rispetto al luogo dell’incidente. Repetto fu estratto dalla Dora Baltea privo di conoscenza e i sanitari del 118 cercarono a lungo di rianimarlo, prima di constatare il decesso. Oggi al tribunale di Aosta ha preso il via l’udienza preliminare, rinviata a giugno dal gup Maurizio D’Abrusco dopo la richiesta della parte civile di citare un’assicurazione. I due imputati sono di origine argentina; Sopranzi è assistito dall’avvocato Filippo Vaccino e Garcia dal collega Andrea Noro, entrambi del foro di Aosta. Le indagini dei carabinieri sono state coordinate dal pm Luca Ceccanti.

Commenti

Blogger: Fabio Mina

Avatar

Leggi anche

nucleare

Domani il primo Tavolo di trasparenza sul deposito nazionale dei rifiuti radioattivi

E’ stato convocato per domani pomeriggio in modalità da remoto il primo incontro informativo del …

IVREA. Sertoli batte Ballurio: licenziamento giusto… Il Ministero dell’interno gli dà ragione, ma…

S’era rivolta al Capo dello Stato Sergio Mattarella per l’annullamento del provvedimento del 3 marzo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *