Home / Piemonte / AOSTA: Due morti sul Grand Combin Vittima una guida alpina e uno scalatore vercellese

AOSTA: Due morti sul Grand Combin Vittima una guida alpina e uno scalatore vercellese

Travolti da una scarica di sassi nella notte mentre erano lanciati verso la vetta del Grand Combin, massiccio a poca distanza dal confine tra Italia e Svizzera. Così sono morti la guida alpina del Cervino Federico Daricou, 38 anni, di Chatillon, e il suo cliente, Nicolò Morano, di Vercelli. L’incidente è avvenuto alle 5 di sabato mattina sotto il col du Meitin, a 3.500 metri di quota, mentre sulla zona si abbatteva un violento temporale. I due erano partiti alle 3 dalla Cabane du Valsorey per un’ascensione impegnativa tra roccia e ghiaccio. Le condizioni meteo non erano delle migliori anche se erano previste schiarite già dal mattino. La cordata è stata colpita dai sassi mentre affrontava una zona di misto, proprio sotto una bastionata di roccia. Forse a scatenare la scarica è stato proprio il temporale. A dare l’allarme con il telefono è stato Daricou, guida della società del Cervino, ferito ma cosciente. I primi tentativi di raggiungere il luogo dell’incidente con l’elicottero, sia da parte di Air Glacier sia del Soccorso alpino valdostano, si sono arrestati quasi subito a causa del maltempo e della nebbia in quota. Solo verso le 10,30 gli svizzeri – che avevano organizzato anche una squadra a piedi – sono riusciti a sorvolare la zona e a calarsi per recuperare i due alpinisti. Per Nicolò Morano non c’era più nulla da fare, mentre Federico Daricou è stato elitrasportato all’ospedale di Sion. Le sue condizioni sono parse subito molto critiche. E’ morto alle 13. Oltre a loro sono stati coinvolti nell’incidente anche tre alpinisti olandesi che erano nella stessa zona: due sono rimasti feriti in modo non grave e uno è illeso. Le indagini sull’accaduto sono affidate alla Police cantonale di Sion. La notizia del decesso di Daricou ha gettato nello sconforto la comunità delle guide alpine valdostane.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

TORINO. Coldiretti, “agricoltura piemontese merita altra velocità”

La Coldiretti ha mobilitato oggi migliaia di iscritti da tutto il Piemonte, per chiedere alla …

VERCELLI. Cinghiali: arrivano le gabbie-trappola per cattura

La Provincia di Vercelli ha approvato un Piano di controllo demografico dei cinghiali su tutto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *