Home / Life & Style / Anche il mercato brittanico delle slot è in grande evoluzione
Slot Machine
Slot Machine

Anche il mercato brittanico delle slot è in grande evoluzione

“Ci piace” vedere che anche in altri Paesi europei stando alle notizie sui ( https://www.casinoguru.it/casino-terrestri ) migliori casino reali nel mondo che arrivano continuamente che la tematica delle slot machine desta interesse, cambiamento, innovazione. Quindi, non solo nel nostro territorio bisognerà forzatamente “fare qualcosa” per riorganizzarne la sua presenza sul mercato, ma anche in altri Paesi dove forse le regolamentazioni sul gioco sono “più avanti” della nostra, dove già si sono acquisite esperienze diverse e dove ci si muove, probabilmente, con più “agilità”che in Italia. Il mercato britannico, infatti, è già più “sperimentato”, ma anche lì ci si aspetta una grande rivoluzione ed un grande cambiamento.

Le Awp digitali ormai sono diventate una sorta di “normalità” inserita nel nostro quotidiano, così come in Germania ed anche la Spagna, territorio senza ombra di dubbio più conservatore, si sta uniformando consentendone una distribuzione  sempre maggiore e stanno adottando quello che oggi viene riconosciuto come un “metodo tedesco” di operare. Nel Regno Unito, probabilmente, c’è sempre una cerca reticenza per quanto riguarda l’avanzare della tecnologia con un numero limitato di “cabinet video” riprogrammabili che entrano nel mercato delle Awp e viene indicato, come già detto in altre occasioni, con la terminologia di “apparecchi di categoria C” che sono apparecchi più simili alle nostre new slot per quanto riguarda le vincite e le puntate.

Gli ultimi dati suggeriscono che c’è parecchio ottimismo da parte delle imprese germaniche che investono nel mercato delle macchine da pub inglese ed una serie di dati sulle prestazioni mostrano una ripresa sostanziosa nelle prestazioni di “cassetto” dei giochi digitali. Per esempio, da una situazione con 253 macchine modello “King of Games Gold” di Gauselmann, con jackpot da 100 sterline, si registra un indice di prestazione di 140, il che significa il 40% in più, in media, rispetto alle macchine precedenti che si trovavano alloggiate negli stessi esercizi. Il “cassetto medio” era di 364 sterline contro la media precedente di 270 sterline.

La valutazione è stata fatta dopo 24 settimane circa dalla loro installazione e gli ultimi dati riflettono proprio il cambiamento di gioco, più divertente, fresco ed assai soddisfacente per il giocatore che usa contenuti “freschi ed appena arrivati” dai produttori tedeschi. La percentuale di pagamento sulle macchinette era dell’84%, superiore a quanto normalmente è previsto sulle analoghe macchine categoria C che stanno per essere sostituite appunto da questi ultimi modelli digitali. Le statistiche, però, sono dissimili da altre nella lista delle prestazioni e questo difficilmente può far parlare di un vero e proprio segnale di cambiamento.

Ma 66 macchine modello “King of Games Diamond” stanno mostrando un cassetto medio di 274 sterline dopo 17 settimane ed un indice di prestazione di 131, la percentuale di pagamento è all’83% e si sta mostrando un aumento del 66% sui giochi installati precedentemente. L’ultima macchina di Gauselmann King of Games Aurora”, dopo solo 4 settimane di raccolta dati, sta mostrando una media massiccia di cassetto ben oltre le 449 sterline su una percentuale di pagamento dell’85%. Queste cifre potrebbero, quindi, significare la bontà degli investimenti compiuti nel settore manifatturiero del Regno Unito per i fornitori tedeschi ed austriaci. Sia Gauselmann Group che Novomatic hanno investito molto negli ultimi anni per accaparrarsi produttori britannici.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Le confezioni alimentari: come si preparano

Il packaging di un qualsiasi prodotto deve sottostare a una particolare normativa. Questa problematica si …

Dal 26 settembre al 4 ottobre Expocasa 2020 torna ad animare gli spazi di Lingotto Fiere

Dopo la lunga sosta imposta dall’emergenza sanitaria, riparte la stagione degli eventi fieristici torinesi: dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *