Home / Eventi / Al via la 1ª Festa Lucana, ospite d’eccezione Rocco Papaleo

Al via la 1ª Festa Lucana, ospite d’eccezione Rocco Papaleo

Motori caldissimi nell’associazione Emanuele Gianturco in vista della prima edizione della Festa Lucana, di scena tra giovedì 12 e domenica 15 settembre. L’evento organizzato dal sodalizio settimese presieduto da Vito Sileo, il timoniere riconfermato di recente e sostenuto da vivacissimo gruppo direttivo, vedrà la partecipazione di Regione Piemonte, Provincia di Torino, Unione Net e Regione Basilicata, oltre a diverse municipalità e associazioni lucane. Un appuntamento molto atteso che richiamerà in città moltissime persone, grazie all’oggettiva qualità del calendario proposto e all’efficiente macchina organizzativa del sodalizio nostrano. Tutto pronto, dunque, per un evento caratterizzato da intrattenimenti musicali, dibattiti su migrazioni e identità, cucina tipica e un ospite d’eccezione come Rocco Papaleo, attore, musicista e artista a tutto tondo molto apprezzato sulla scena nazionale.

La rassegna andrà in scena nel neonato “pallone” di via Fantina, ormai pronto ad accogliere, a meno di improbabili colpi di scena dell’ultima ora, la grande festa dei lucani settimesi. La kermesse regionale aprirà i battenti giovedì 12, alle ore 17, con l’inaugurazione delle mostre fotografiche. Tutte le serate saranno caratterizzate da intrattenimento musicale e cucina tipica, curata dal ristorante “Pietra del sale” di Avigliano, in provincia di Potenza.

Sabato 14 settembre, alle ore 11, si terrà invece la cerimonia di intitolazione di una via cittadina ad Emiliano Gianturco, nei pressi dell’ex Siva. La giornata proseguirà alle ore 16 con un dibattito sui temi dell’emigrazione, dell’identità e dell’integrazione, mentre alle ore 21 ci sarà l’attesissima performance di Rocco Papaleo, che a Settimo si esibirà in un concerto dal titolo “Una piccola impresa meridionale”. Un evento imprendibile, quindi, che vedrà protagonista una delle comunità più radicate e attive nel tessuto associazionistico cittadino. Ma anche un’occasione importante per inaugurare nel migliore dei modi un nuovo spazio pubblico dedicato all’aggregazione.

Presentazione

E’ stata presentata ufficialmente la 1ª edizione della Festa Lucana, evento clou inserito nel vasto calendario dei festeggiamenti per la patronale.  Una kermesse, quella che aprirà i battenti questa sera e si concluderà domenica 15 settembre presso il “pallone” di via Fantina, densa di appuntamenti importanti e di grande rischiamo. Ad introdurre l’evento è stato il presidente del Consilgio comunale Dino Sportiello, seguito da un altro lucano doc come il consigliere d’opposizione Felice Scavone.

Questa festa ha spiegato Sportiello rappresenta un doveroso riconoscimento per   una comunità, quella lucana, diventata nel tempo un esempio di integrazione sul territorio settimese. Una realtà associativa che ha sempre messo i fatti davanti alle parole, dando vita ad una storia decennale che nei prossimi giorni verrà celebrata proprio grazie a questa prima festa”.

“Credo che nel titolo dello spettacolo di Rocco Papaleo (Una piccola impresa meridonale, ndr) si possa racchiudere idealmente il senso profondo di questa festa”, ha proseguito Felice Scavone. “Inoltre – ha aggiunto il consigliere – sono particolarmente soddisfatto perché all’interno di un evento che celebrerà l’integrazione e la tradizioni di tanti migranti, ci sarà spazio anche per intitolare una via cittadina ad Emanuele Gianturco, un nostro illustre conterraneo”.

A chiudere l’incontro, l’intervento del presidente dell’associazione lucana settimese, Vito Sileo. “L’idea di questa festa ha preso forma nel 2007, nel corso di un convegno dedicato alla figura di Emanuele Gianturco e oggi siamo qui pronti a vivere tutti insieme questo appuntamento, per conoscere e apprezzare le tradizioni e le peculiarità della nostra Basilicata. Sono davvero felice e se nel 1998, quando nacque l’associazione, mi avessero detto che 15 anni dopo saremmo riusciti a mettere insieme un evento di questo tipo, non ci avrei creduto. Invece la festa è diventata realtà”.

Una realtà che conferma una volta di più la grande vitalità espressa in questi anni dalla numerosa comunità lucana residente a Settimo. Ma esiste un segreto per spiegare questo successo? Forse sì e sta tutto nelle parole conclusive del presidente Sileo.  “Più di metà del nostro gruppo è composto da donne e quando ci sono loro a tirare le fila, vi assciuro che tutto funziona per il meglio”.

IL CALENDARIO COMPLETO

GIOVEDì 12 SETTEMBRE: ore 17, inaugurazione mostre fotografiche a cura dell’associazione degli Operai SOMS; ore 19,30, apertura ristorante gastronomico; ore 21,30, serata danzante con il Duo Dejavu Sergio e Patty.

VENERDì 13 SETTEMBRE: ore 10, apertura mostre fotografiche; ore 16,30, spettacolo d’intrattenimento per bambini; ore 19,30 apertura ristorante gastronomico; ore 21,30 serata danzante con il Duo Pino&Rossella.

SABATO 14 SETTEMBRE: ore 10, apertura mostre fotografiche e allestimento stand a cura delle associazioni lucane piemontesi; ore 11, cerimonia di intitolazione di una via, nei pressi della ex Siva, ad Emiliano Gianturco; ore 13, pranzo sociale; ore 16, tavola rotonda sui temi dell’integrazione, identità ed emigrazione; ore 19,30 apertura ristorante gastronomico; ore 20, pizza e balli folcloristici con i Vampa Lumera; ore 21 spettacolo musicale “Una piccola impresa meridionale”, con Rocco Papaleo.

DOMENICA 15 SETTEMBRE: ore 10, apertura mostre fotografiche; ore 16, intrattenimento folcloristico a cura dell’associazione E. Gianturco e a seguire sfilata di moda; ore 19, apertura ristorante gastronomico; ore 21,30, serata danzante con il Duo Beatrice&Fiorenzo.

 Tutti gli eventi andranno in scena presso la nuova struttura polifunzionale di via Fantina, di fronte alla Coop.

Commenti

Blogger: Fabio Ugolini

Fabio Ugolini
Te lo do io il Fair Play

Leggi anche

Il bilancio delle Mafie

  Sei arrivato fin qui Oramai un numero sempre più grande di cittadini si informa …

SETTIMO. “Sinistra Civica non è solo Corgiat e Bisacca, c’è altro…”

Mi stupisco quando mi guardano con una certa faccia, non capisco”. Parla così la capogruppo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *