Home / Life & Style / Affitti Piemonte, è il momento di ristrutturare

Affitti Piemonte, è il momento di ristrutturare

Se l’andamento del mercato immobiliare, per quanto concerne la vendita di immobili, non ha registrato punti positivi, tutto cambia quando si parla di affitti.

Questo settore del mercato immobiliare, al contrario della vendita, non ha subito una grave inflessione, sebbene ci si debba chiaramente riferire alle diverse realtà nazionali. Nel caso del Piemonte, in generale, l’andamento del prezzo medio richiesto per un immobile residenziale apre scenari abbastanza ottimistici. Vediamo più nel dettaglio la situazione nel Piemonte e perché, in certi casi, ristrutturare è un vero affare.

Andamento del prezzo medio degli immobili in affitto

Come abbiamo detto, il mercato immobiliare, in questo particolare momento economico, presenta una dicotomia sostanziale: la vendita degli immobili non migliora, mentre gli affitti recuperano alcuni punti percentuale.

Nel mese di marzo del corrente anno sono stati richiesti circa 7,51 euro al metro quadro al mese. Lo stesso periodo, quindi marzo, ma dello scorso anno, la richiesta era di 7,27 euro al mese. Come si può notare è stato registrato un aumento del 3,22% nel corso di un anno. Si tratta di una percentuale assolutamente positiva e che fa ben sperare.

Aumentare il valore dell’immobile con la ristrutturazione

Se già questo è un buon punto di partenza, la buona notizia è che se si ha un immobile che non è di recente costruzione, mediante un lavoro di ristrutturazione si aumenta il suo valore e, di conseguenza, anche quello che è il guadagno della locazione.

Oggi fortunatamente si possono sfruttare diversi bonus che permettono di ristrutturare casa con un investimento contenuto a fronte di una possibilità di guadagno interessante. In ogni caso, chi non ha la liquidità necessaria, può contare su diverse possibilità di finanziamento, ad esempio, consultando la guida sui prestiti online per la ristrutturazione casa di  Calcoloprestito.org è possibile approfondire e valutare quella più attinente alle proprie esigenze.

Detrazioni fiscali 2018 per la ristrutturazione

Anche per questo 2018 è possibile detrarre il 50% dell’Irpef di quelle che sono le spese sostenute fino al 31 dicembre del corrente anno, per un massimo di 96 mila euro. Tale detrazione viene ripartita in dieci quote annuali tutte del medesimo importo.

Sono inoltre detraibili, sempre per il 50% delle spese sostenute, i lavori di manutenzione straordinaria, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, di qualsiasi categoria, anche rurali, e su tutte le annesse pertinenze. Nei condomini, invece, si possono detrarre il 50% delle spese sostenute per i lavori di manutenzione ordinaria, straordinaria e risanamento conservativo eseguiti su tutte le parti comuni.

Anche in questo caso il costo dell’affitto dell’immobile può essere maggiorato, in quanto aumenta di valore per via del contesto in cui è ubicato: un palazzo di recente ristrutturazione ha senza dubbio minori spese condominiali e un valore maggiore rispetto a un condominio vecchio dove si devono – potenzialmente –  fare dei lavori.

A tale proposito va specificato che il prezzo medio richiesto per l’affitto di un appartamento in condominio in Piemonte è di circa 7,43 euro, mentre per una casa indipendente vengono richiesti 6,99 euro.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Blefarite: che cosa è, come viene diagnosticata

Viene definita blefarite l’infiammazione del margine libero delle palpebre. Tale condizione può essere acuta oppure …

SETTIMO. Lutto per l’ex Consigliere Comunale Michele Marchitto

Simone Corradengo, giornalista e nipote dell’ex consigliere comunale Michele Marchitto, ci ha inviato l’articolo per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *