Home / BLOG / Brancà e brando!

Brancà e brando!

Brancà e brando!
Un sabato mattino la negoziante, con atteggiamento scherzoso, nel darmi il resto composto da molto monetine mi ha detto, ecco una brancà, ovvero una manciata di monetine che si possono afferrare con una mano. Ma per branca, senza accento si intende una spanna, un palmo come misura in piemontese ma anche i rami di albero o arbusto, una zampa di animale, una stirpe o il ramo di una discendenza. L’origine della parola branca è incerta, pare che derivi dal celtico branca, braccio, anche se in tardo latino troviamo la voce brancam o virancam, come ramo verdeggiante. E forse entrambe le voci latina e celtica derivano dal germanico wrenk o wronk, mano o zampa, artiglio. da lì arriva la parola piemontese ambranchè, afferrare e brancaja, ramaglia, per fare fascine e per avere per la stufa del legno pitudo, per indicare piccoli rametti secchi per accendere il fuoco. E anche la parola branchigne, maneggiare arriva da lì ma non sicuramente la parola brando, che era antica danza molto vivace che si ballava in cerchio senza movimenti prestabiliti. La parola brando deriva dal francese branle, questa danza era praticata nei secoli XVI e XVII. Il lemma deriva dal verbo brandeler, vacillare, dal germanico brand, tizzone acceso, in italiano questo ballo era chiamato brando ed era in voga nel Monferrato in quei periodi e Favria ne faceva parte, ergo che fosse anche ballata anche qui.
Favria, 29.01.2020 Giorgio Cortese

La presunzione a certe persone fa credere di essere quello che vorrebbero essere, ed invece sono solo degli spocchiosi presuntuosi.

Commenti

Blogger: Giorgio Cortese

Giorgio Cortese
Vivere con ottimismo

Leggi anche

VENARIA. Un tetto per Paolino, l’invisibile della Punto

VENARIA. Un tetto per Paolino, l’invisibile della Punto. Qualche anno fa, su Italia 1, andava …

Covid: le bugie di Giglio Vigna (LEGA) hanno le gambe “cortissime”. La verità della Corte dei Conti

A Ivrea, una delle poche città trainate dalla Lega in provincia di Torino, circa un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *