Home / Sport / Altri Sport / ATLETICA LEGGERA. Inizia la stagione dei maratoneti con vista i Mondiali di Doha
Daniele Meucci e Ruggero Pertile

ATLETICA LEGGERA. Inizia la stagione dei maratoneti con vista i Mondiali di Doha

La strada verso i Mondiali di Doha passa anche da Roma, Milano, Rotterdam. Domenica 7 aprile gli azzurri Daniele Meucci, Stefano La Rosa e Giovanna Epis correranno la loro prima maratona dell’anno, nella stagione che culminerà dal 27 settembre al 6 ottobre nella rassegna iridata in Qatar. A caccia di risposte nel “Maratona Day”, gli specialisti azzurri si dividono tra Acea Maratona Internazionale di Roma (Meucci), Generali Milano Marathon (La Rosa) e NN Marathon Rotterdam (Epis). 

RIENTRO DALLA NAMIBIA – Appena tornato in Italia dallo stage di allenamento di tre settimane in Namibia, a Windhoek, il campione europeo di maratona 2014 Daniele Meucci (Esercito) si tuffa sulle strade della Capitale per il primo test stagionale e per cominciare a verificare il lavoro svolto con il nuovo tecnico Daniele Caimmi, in collaborazione con Giada Bertucci. Proprio a Roma, nel 2010, debuttò in maratona il 33enne pisano ingegnere in robotica che nel marzo 2018 ha portato il personale a 2h10:45 nella 42,195 km di Otsu, in Giappone. Nella stagione dei cross, Meucci ha raccolto il buon terzo posto a squadre agli Europei di Tilburg, senza dimenticare il quinto posto al Campaccio e la settima piazza alla Cinque Mulini e ora si lancia verso Doha, evento iridato per il quale figura nell’elenco dei pre-selezionati stilato dalla direzione tecnica FIDAL. “Il raduno in Namibia è andato molto bene, è stato un bel periodo di allenamento – racconta il maratoneta azzurro – è davvero un bel posto per prepararsi e l’unica pecca è che è un po’ lontano: mi è stato cancellato un volo e quindi ho perso una giornata in più a Johannesburg. Sento di essere in buona condizione, il mio obiettivo per la Maratona Internazionale di Roma è fare un buon passaggio in vista dei Mondiali di Doha, come concordato con la FIDAL a ottobre”.

OBIETTIVO PB – Napoli City Half Marathon e RomaOstia sono state le tappe di avvicinamento di Stefano La Rosa (Carabinieri) verso Milano. Soprattutto nella mezza della Capitale è andato forte il 33enne grossetano (al secondo tempo in carriera nella 21,097 km, 1h02:29) seguito da Giuseppe Giambrone e campione europeo a squadre in carica. Sulle strade del capoluogo lombardo va dritto verso l’obiettivo di ritoccare le 2h11:08 del PB stabilito a Siviglia nel febbraio dello scorso anno: “Due ragazzi keniani mi scorteranno fino al km 30, puntando a un passaggio intorno a 1h05, per dare l’attacco al mio primato personale e vedere per la prima volta le 2h10 sul display – annuncia La Rosa -. Il tempo della RomaOstia mi fa credere che l’obiettivo sia possibile. L’ultima maratona è stata quella degli Europei di Berlino e finalmente dopo mesi di allenamento e sacrifici sono pronto per la prossima. Sono contento della preparazione: nell’ultimo periodo non ho avuto intoppi, nessun infortunio, non ho perso giorni. È stato molto utile il raduno in altura in Kenya a febbraio, a quota 2200 metri: ne ho tratto un bel sostegno per lavorare al rientro. L’ultimo periodo l’ho svolto tra il raduno azzurro a Grosseto e la mia sede di allenamento al Tuscany Training Camp di San Rocco a Pilli”.

RISCATTO – È il momento del rientro in maratona dopo oltre un anno per Giovanna Epis (Carabinieri), che nell’ultima uscita sulla distanza, a Siviglia nel febbraio 2018, è scesa per la prima volta sotto le 2h30, nella giornata che sarebbe rimasta il momento clou di un 2018 tormentato. Il personale sfiorato a Napoli nella mezza il 24 febbraio ha dato i primi segnali confortanti alla 30enne veneziana: “La preparazione è andata bene, adesso manca soltanto la gara – le parole della Epis, che fin qui si è sempre migliorata in ogni maratona corsa -. Ho scelto Rotterdam perché è un percorso tradizionalmente veloce e vorrei provare a migliorarmi: scendere sotto le 2h29:41 sarebbe oro, ma la maratona è sempre la maratona, e come tale bisogna rispettarla. Non è stato facile ripartire dopo la delusione della rinuncia agli Europei di Berlino, per il virus intestinale di cui ho sofferto a tre settimane dalla gara. Ma eccomi di nuovo qui. Il mio tecnico Giorgio Rondelli mi ha sconsigliato di gareggiare nelle maratone di fine stagione e mi ha suggerito di tornare al cross: questo mi ha aiutato, mi ha permesso di ritrovare le motivazioni. Spero soltanto che a Rotterdam non ci sia lo stesso vento di Napoli, con raffiche da 60 km/h. Può condizionare molto”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Darko viel protagonista al cross di Venaria

PODISMO. Durbano Gas Energy Rivarolo protagonista al “Cross Reale”

E’ una Durbano Gas Energy Rivarolo 77 che ha fatto grandi cose nell’edizione 2020 del …

Trofeo Alberto Mura

BOXE. Il Trofeo Alberto Mura posticipato da metà marzo a fine maggio per il Coronavirus

La Federazione Pugilistica Italiana rende noto che, causa situazione emergenziale dovuta al COVID-19, il Trofeo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *