Home / Sport / Altri Sport / ATLETICA LEGGERA. Randazzo vola in finale agli Europei Indoor
atletica

ATLETICA LEGGERA. Randazzo vola in finale agli Europei Indoor

Concentrazione, sguardi che si incrociano, pensieri che corrono su quella striscia rossa da cui oggi bisogna decollare. Stamattina il primo obiettivo dei lunghisti azzurri Andrew Howe, Marcell Jacobs e Filippo Randazzo ha tre cifre precise: 7,90, la misura di qualificazione che vale il passaggio diretto in finale. Il tempo di darsi un cinque e per Jacobs è già giunto il momento di rompere il ghiaccio. Il tricolore assoluto lascia allo stacco la bellezza di 25 centimetri, un regalo che accorcia la sua impronta a 7,40. Randazzo è il più giovane del trio, ma il siciliano delle Fiamme Gialle non vuole fare semplicemente la parte della matricola. E, infatti, per lui arriva subito un 7,72 con pochi centimetri (3,5) rimasti prima dell’asse di battuta. E’ il turno di Howe, al rientro in Nazionale dopo 4 anni dall’ultima apparizione: 7,71 per il recordman d’Italia. Intanto due atleti volano oltre i 7,90 della qualificazione: lo svedese, campione in carica, Michel Torneus (7,96) e la novita Izmir Smajlaj (7,98, eguagliato il record nazionale albanese). Al secondo round Jacobs rialza la testa: 7,70, ma il suo stacco è ancora troppo generoso, 23,7 centimetri fuori asse che avrebbero avuto decisamente un altro effetto nella sabbia. Grande pedana, invece, per Randazzo che azzecca un 7,89 che mette praticamente al sicuro il pass per la finale. Un nullo nettissimo, invece, il secondo salto di Howe che calpesta in pieno la plastilina. Attenzione al muro degli 8 metri: l’ucraino Serhiy Nykyforov lo infrange con la miglior misura europea dell’anno, 8,18. Ultimo turno e ultima chance: Jacobs stavolta stacca più vicino all’asse di battuta (7,3 cm), ma con 7,62 resta sotto la misura del precedente e finisce undicesimo. Niente finale nemmeno per Howe che esce di scena (decimo posto) con un salto appena accennato. Nulla anche l’ultima prova di Randazzo che, però, domani alle 19:32 sarà l’unico azzurro nella finale continentale.
Filippo Randazzo: “E’ stata dura, sono dispiaciuto per i miei colleghi Marcell e Andrew perché si potevano giocare una bella finale. Sapevo quanto ci tenevano e non riesco a godermi completamente questa mia qualificazione. In partenza avevo deciso di tenermi un po’ più lontano dallo stacco, per riuscire a fare subito un salto valido. Al primo ero già molto sotto l’asse di battuta, e poi sono riuscito a piazzare un 7,89 che mi conferma sopra i 7,85 in questa stagione. Domani saranno sei salti, vediamo che succede. Ero al debutto in Nazionale assoluta, ma abbastanza tranquillo, ieri ho provato la pedana che è molto diversa da quella di Ancona e ho cercato di trarne il meglio. Ho visto che anche altri l’hanno sfruttata bene, mi ha sorpreso l’ucraino Nykyforov mentre l’albanese Smajlaj è in gran forma, anche se il principale avversario da tenere d’occhio sarà lo svedese Torneus, campione in carica, a cui è bastato un solo salto e chissà cosa farà domani”.
Andrew Howe: “Sono parecchio arrabbiato, perché otto metri erano ampiamente alla nostra portata. Bastava solo trovare bene la ritmica della rincorsa, su una pista sopraelevata come questa. Alla mia età, venire a fare solo la qualificazione non mi interessa. Non è certo quello che volevo, l’obiettivo era la finale. Anche se sinceramente, con il senno di poi, qualche mese fa non sapevo neanche che sarei potuto essere qui in gara. Non è andata bene, forse ho pagato la mancanza di abitudine alle gare in mattinata, ci rivediamo nella stagione all’aperto”.
Marcell Jacobs: “Fisicamente sto molto bene, ma nei salti di prova non trovavo la rincorsa. In gara mi sono portato avanti, ma non ci arrivavo. Probabilmente non sono abituato a questa pedana rialzata, bisogna essere reattivi con i piedi altrimenti ti frena. Le mie ambizioni erano altre”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Emanuele Vitale del Club Scherma Chivasso in trionfo nel concorso "Il mio primo GPG"

SCHERMA. Emanuele Vitale del Club Scherma Chivasso trionfa nel concorso “Il mio primo GPG”

Una grandissima soddisfazione per il giovanissimo Emanuele Vitale e per tutto il Club Scherma Chivasso. …

Il Volley Montanaro ha ripreso gli allenamenti

VOLLEY. Il Volley Montanaro lancia un segnale positivo per tutto il movimento

L’ASD Volley Montanaro ha finalmente ripreso gli allenamenti nell’ormai nota palestra di Strada Vallo. La …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *