Maria Di Poppa

Letteralmente di: Maria Di Poppa

Home / In provincia di Torino / TORRAZZA. Il 17 marzo verrà intitolata una nuova via a Ernesto Bertone

TORRAZZA. Il 17 marzo verrà intitolata una nuova via a Ernesto Bertone

Era il 17 marzo del 2007 quando il maresciallo Ernesto Bertone, abbandonava per sempre questa vita. Aveva 94 anni e lasciava di sé un ricordo che in paese ancora in molti custodiscono con un sorriso.

Ed è proprio il 17 marzo il giorno che il sindaco Massimo Rozzino ha scelto per intitolargli la nuova via, quella nei pressi della palestra che collega i due lati della gora dei Mulini, da via Mazzini a via Luigi Einaudi.

Stivali ai piedi. Lucidi e impeccabili, come impeccabile era la divisa… E poi la voce baritonale. Sembra quasi di sentirla ai raduni della fanteria, quando per primo, non foss’altro che ne era il presidente, prendeva il microfono in mano raccontando (e sono le sue parole) del “fragore delle armi” e di coloro che “offrirono la loro giovane vita per far si che avessimo la libertà e il benessere”.

Frasi d’altri tempi, che non perdeva occasione di ricordare.

Camminava sempre a testa alta, quasi in marcia. Un modo per avvicinarli alle Istituzioni. Per far capire loro che potevano contare su di lui, che li conosceva uno a uno e, infatti, era proprio così.

Uno a uno.

Anche ai tempi in cui in questo piccolo paesello, con il boom economico, arrivarono i friulani da Tarvisio, Tricesimo e Tarcento ad ingrossare le file degli operai esperti nelle fornaci.

Poi i veneti dal Polesine e più avanti i meridionali.

Ernesto Bertone, ex vigile urbano (per 41 anni), nato a Borgoregio il 23 dicembre del 1913, restò vedovo presto. La moglie Teodora Tamiatti, morì a soli 48 anni lasciandolo con una figlia Maria Carla di 16 anni e un figlio Roberto di 24.

Lavorava anche di notte. Un uomo vero. Un uomo corretto” aveva raccontato di lui la figlia in un’intervista al nostro giornale di qualche tempo fa.

Ora la sua memoria, grazie all’intitolazione di questa nuova strada, verrà consegnata ai posteri che, passando di là si domanderanno chi fosse Ernesto Bertone, trovando qualcuno disposto a raccontargli la vita di quest’uomo amato e stimato dal suo paese.

Commenti

Leggi anche

SETTIMO TORINESE. Biella non è come Settimo Torinese. Il giornalista della Stampa ha frainteso

Gentile Direttore, desidero smentire quanto affermato dall’articolo comparso ieri sera sul Suo giornale, dove mi …

SETTIMO TORINESE. All’8 Marzo niente film sulle foibe. Borrini: “Morti di serie A e B”

Il responsabile del gruppo giovanile della Lega Antonio Borrini ha un diavolo per capello. Qualche …