Sandro Venturini

La chimica delle parole di: Sandro Venturini

Home / BLOG / SETTIMO TORINESE. Il Romeo settimese scaricato per colpa della metropolitana

SETTIMO TORINESE. Il Romeo settimese scaricato per colpa della metropolitana

L’amore nei sotterranei della metropolitana a Parigi

Il Romeo di Settimo scaricato dalla Giulietta di Torino per colpa della metro. Ma ai tempi di Shakespeare non c’erano mezzi di trasporto sotterranei e, almeno nel celebre romanzo, i protagonisti erano due giovanissimi follemente innamorati. In questo caso, invece, la vicenda sentimentale non è mai iniziata e i protagonisti sono due individui già grandicelli: lui  si chiama Massimo Ankor e viaggia sulla quarantina e lei si chiama Chiara e ne ha una trentina. Si conoscono durante le festività natalizie tramite una “app” per incontri sul telefonino e fissano un appuntamento. Lui prende il treno da Settimo, poi la metropolitana.Scende e manda un messaggio a lei: “Sono arrivato prima perché sono venuto in metro, tu fai pure con comodo”. Risposta di Chiara: “Non si va al primo appuntamento in metro”. Cuore infranto e addio sogni.

Sei arrivato fin qui

Oramai un numero sempre più grande di cittadini si informa attraverso la rete, senza dover pagare nulla. La verità è che fare informazione e farla bene, essere liberi e indipendenti, ha un costo e non sempre della “rete” ci si può fidare. Se ci leggi e ti piace quello che noi scriviamo puoi aiutarci a continuare a fare il nostro lavoro per il prezzo di un caffè alla settimana. E se credi che l’informazioni sia anche uno strumento di libertà puoi aiutarci come “sostenitore” abbonandoti a “La Voce Più”.

Infinitamente grazie,
Liborio La Mattina
Direttore Responsabile La Voce

Leggi anche

SETTIMO TORINESE. Biella non è come Settimo Torinese. Il giornalista della Stampa ha frainteso

Gentile Direttore, desidero smentire quanto affermato dall’articolo comparso ieri sera sul Suo giornale, dove mi …

SETTIMO TORINESE. All’8 Marzo niente film sulle foibe. Borrini: “Morti di serie A e B”

Il responsabile del gruppo giovanile della Lega Antonio Borrini ha un diavolo per capello. Qualche …