Redazione

di: Redazione

Home / Piemonte / Novara / NOVARA. Uccise sorella per avere più soldi, condannato all’ergastolo

NOVARA. Uccise sorella per avere più soldi, condannato all’ergastolo

E’ stato condannato all’ergastolo, con rito abbreviato, Massimiliano Tomasoni, l’uomo di 47 anni che lo scorso 9 novembre ferì a morte la sorella, Maria Rita, con una ventina di coltellate causandone la morte, avvenuto donna il giorno dopo in ospedale.
Alla base del delitto, l’ennesima richiesta di soldi.
Tomasoni, residente a Cassolnovo (Pavia), con problemi di droga, ricorreva spesso alla sorella (che abitava a Novara con il marito) per qualche ‘prestito’, che regolarmente non restituiva.
Ma qualche volta riceveva dei rifiuti. Così la mattina del 9 novembre l’uomo era andato dalla sorella armato di coltello, perché aveva assoluta necessità di denaro.
La sorella, a quanto si è poi scoperto nelle indagini, gli aveva consegnato 3 mila euro, ma lui ne voleva altri e così la colpì ripetutamente, prima di fuggire. Si era portato da Cassolnovo anche gli abiti e le scarpe di ricambio, ma tutta la scena in cui dal bagaglio estrae gli indumenti puliti e si riveste venne ripresa nitidamente da una telecamera. Nei pressi di Gravellona Lomellina si liberò di abiti sporchi e coltello gettandoli in un cassonetto e tornò nella sua casa di Cassolnovo. Una freddezza mostrata anche durante i funerali della sorella. Messo di fronte a tutta una serie di elementi di prova, Massimiliano Tomasoni confessò il 23 novembre.

Commenti

Leggi anche

TORINO. Calcio: derby Mole, convalidato arresto ultrà francesi

E’ stato convalidato l’arresto degli otto ultrà francesi della Juventus, tra cui un poliziotto di …

TORINO. Congresso regionale Pd: verso il ballottaggio

Si profila il ballottaggio, in Piemonte, per la scelta del segretario regionale del Pd. In …