di: Redazione

Home / Eventi / Altri Eventi / CIRIÈ. Il “Presepe sotto la Neve” giunge alla 41° edizione. L’inaugurazione sabato 1 dicembre

CIRIÈ. Il “Presepe sotto la Neve” giunge alla 41° edizione. L’inaugurazione sabato 1 dicembre

Il Presepe sotto la Neve giunto alla 41° edizione, sarà visitabile quest’anno da  domenica 2 dicembre alle 15.

L’inaugurazione ufficiale avrà luogo il giorno precedente, sabato 1 dicembre  alle 21,  nella Chiesa di San Giuseppe di Ciriè in via Vittorio Emanuele 162, con il concerto della Filarmonica Devesina diretta dal maestro Gaetano Di Mauro.

Al termine dell’esibizione musicale,verrà accesa la grande stella cometa issata sul campanile della Chiesa di San Giuseppe.

Nella stessa serata si aprirà la mostra curata dal Circolo Filatelico Ciriacese “Fede e arte popolare – piloni votivi del ciriacese e Valli di Lanzo tra ‘800 e ‘900”. L’esposizione presenta ai visitatori un significativo numero di fotografie che ritraggono i più interessanti piloni votivi ancora oggi presenti sul territorio. Nei luoghi rimasti verdi delle campagne di pianura, in diverse località di montagna delle Valli di Lanzo e molti altri invece ormai inglobati nelle zone urbanizzate.

L’apertura del Presepe si protrarrà fino a domenica 13 gennaio. Nei giorni feriali dalle 16 alle 18.30, nei prefestivi e festivi dalle 15 alle 19.30.

Le visite di gruppi o scolaresche dovranno essere prenotate al numero 011.9208560.

I volontari del Gruppo Presepe San Giuseppe hanno provveduto anche per questo Natale 2018 ad eseguire nuovi e  significativi lavori al plastico, apportando ulteriori abbellimenti.

Sulla superficie del Presepe, che nella passata edizione venne notevolmente estesa con la realizzazione di una ampia scenografia di oltre 10 metri quadrati che ha completato e notevolmente allungato il lato sinistro del plastico, sono state quest’anno innestate nuove ambientazioni – spiega il Gruppo Presepe San Giuseppe -. Dalle alte vette innevate, i cui profili sono quelli delle vicine Valli di Lanzo, sgorga una cascata le cui acque vanno ad alimentare un laghetto alpino. Sulla sponda del laghetto completa il quadro un pescatore animato, intento a catturare pesci. Alle quote più basse delle montagne, dove si estendono erbosi alpeggi, si potrà ammirare una camminata di personaggi e pastori che conducono al pascolo greggi di pecore. In primo piano è stata riprodotta l’antica miniera Brunetta, ubicata nei pressi dell’Alpe Brunetta sopra la frazione Vru di Cantoira, nonché la principale cava attiva nel corso del ‘900”.

Le migliorie riguarderanno anche l’ambiente attiguo al presepe, utilizzato come spazio utile per l’esposizione dell’oggettistica natalizia. La sala d’attesa ospiterà cinque diorami realizzati da alcuni volontari  del Gruppo Presepe San Giuseppe. Oltre all’’Annunciazione, all’Ultima Cena, alla Crocifissione e alla Resurrezione si aggiunge quest’anno la Natività.

Tutte le scene sono ambientate in modesti locali domestici, tipici delle Valli di Lanzo o nel paesaggio della ex cava di amianto di Balangero – prosegue il Gruppo Presepe -.  Il nuovo diorama della Natività si presenta diviso in due piani. Su quello superiore è collocato uno scenario della recente guerra che si combatte in Siria. Al piano inferiore si rievoca la Natività di Gesù che avviene in una umile stalla di un alpeggio”.

Nella sala sarà inoltre posizionato un televisore sul quale scorreranno filmati che aiuteranno il pubblico a scorgere e porre l’attenzione sui numerosissimi dettagli del plastico.

Sarà a disposizione dei visitatori il libro “Sotto la neve … il presepe – Immagini, storia e vicende in amicizia” con testi di Pierangelo Sasso, fotografie di Massimo Carignano, Fabrizio Prini, Giorgio Sasso.

Anche quest’anno sarà proposta l’esposizione di numerosi presepi, che saranno  acquistabili con una modica offerta. Anche quest’anno sarà possibile visitare in modo virtuale il Presepe sotto la neve sul sito www.presepesottolaneve.beepworld.it.

L’iniziativa “In viaggio tra i Presepi del Canavese e delle Valli di Lanzo”, nata nel 2011 grazie all’impegno ed alla condivisa volontà dei presepisti che operano nel Ciriacese, Canavese e Valli di Lanzo, proseguirà anche per il Natale 2018. I Presepi visitabili sono sedici e quest’anno l’elenco si allunga, avendo aderito all’iniziativa anche Castellamonte, Fiano, Locana, San Colombano/Belmonte.

Per il terzo anno di fila si ripropone anche “Viaggia tra i Presepi, timbra e … vinci!”. Chi avrà visitato almeno nove Presepi del circuito, dimostrandolo mediante una apposita scheda vidimata, sarà sorteggiato per l’assegnazione dei premi messi in palio dagli organizzatori. L’ingresso al Presepe sotto la neve è gratuito. Le offerte saranno devolute in beneficenza.

Commenti

Leggi anche

CIRIÈ. Solo 4 comuni su 11 hanno l’ordinanza sul taglio della vegetazione lungo i canali

Sarebbe bello bastasse riqualificare i canali irrigui per chiudere le porte al rischio alluvionale. Ma …

CIRIÈ. Soldi, donne e business. La hit di Wendi Grandinetti

Wendi Grandinetti non si accontenta mai. Non gli bastano i 550mila “mi piace” sulla pagina …