Redazione

di: Redazione

Home / Dal resto del mondo / BRUXELLES. Riscaldamento globale colpisce l’Italia. Genova e Milano al top

BRUXELLES. Riscaldamento globale colpisce l’Italia. Genova e Milano al top

Incendi fuori controllo, ondate di siccità, temporali improvvisi e inondazioni, l’Europa è ogni anno più bollente e nessuna città è al sicuro dal cambiamento climatico che sta trasformando l’intero pianeta. A Genova e Milano le temperature dal Duemila a oggi si sono alzate di 1,2 gradi centigradi: tra le grandi città europee si tratta di un aumento record in meno di vent’anni. E nelle città più piccole la situazione non migliora, anzi. In Italia, è Belluno la più calda, con +2 negli ultimi 18 anni.
A misurare la ‘febbre’ del Vecchio Continente è l’European Datajournalism Network (EDJNet), un team di giornalismo investigativo formato da 19 media europei, che inserisce i capoluoghi di Liguria e Lombardia all’ottavo e decimo posto tra le prime 10 grandi città in Ue dove le temperature sono aumentate di più dal 2000. Dalla Finlandia al Portogallo, “l’Europa si sta riscaldando da più di un secolo, lentamente, ma costantemente”, spiegano i media di EDJNet (tra cui, Internazionale, Spiegel Online e Gazeta Wyborcza), che hanno analizzato i dati del Centro europeo per le previsioni meteorologiche su 558 città Ue, rivelando un aumento medio del termometro dell’Europa di 1 grado. Se ne sono accorti per primi gli abitanti dell’Andalusia: tra le città Ue con oltre 500mila abitanti, Malaga è in media la più rovente nel XXI secolo, con +1,5. Ma l’Italia non è immune. Oltre a Genova e Milano, tra le grandi città vittime del surriscaldamento ci sono Roma (30/a con +1 C.) e Torino (42/a, +0,9). Limitano i danni Napoli (51/a, +0,7 gradi) e Palermo (54/a, +0,6), sul fondo della classifica insieme a Edimburgo (ultima con +0,4 gradi) e Dublino (+0,5).
Puntando la lente sulle città più piccole, l’impegno dell’accordo di Parigi a contenere la temperatura di 1,5 gradi C. rispetto ai livelli preindustriali – avverte l’indagine – “è già stato superato in molte città dell’Ue”. A Kiruna, cittadina mineraria nel nord della Svezia, la colonnina di mercurio ha stabilito il record europeo: la temperatura negli anni Duemila si è alzata in media di 3,4 gradi C. In Italia, Belluno è 18esima in Ue, e anche Piombino supera la soglia dell’1,5 gradi (+1,7). “Le città della costa atlantica sono riuscite a subire in misura minore gli effetti del riscaldamento”, evidenzia lo studio. Ne è riprova Ponte Delgado, in Portogallo, dove la temperatura è rimasta quasi immutata (+0,1). Tra le meno colpite, anche le isolane Cagliari, Gela e Siracusa, con +0,3 gradi.

Commenti

Leggi anche

BRUXELLES. Studenti-reporter a caccia dei successi e degli sprechi con i fondi Ue

Ben 176 squadre provenienti da 155 istituti scolastici con un solo obiettivo comune: monitorare in …

ostaggi a tunisi

TUNISI. Il processo per la strage al Museo del Bardo aggiornato al 25 gennaio

Il Tribunale di Tunisi, che giudica i crimini di terrorismo, ha fissato al 25 gennaio …