Home / BLOG / BRUSASCO. Antonio Arietti. Uomini che hanno fatto la storia

BRUSASCO. Antonio Arietti. Uomini che hanno fatto la storia

Nel periodo del Risorgimento, nelle nostre zone, non sono mancati, tra i suoi figli, i convinti patrioti e nemmeno i volontari nelle guerre per l’indipendenza. E’ importante ricordarne almeno uno: il tenente colonnello Antonio Arietti. 

Era nato a Brusasco il 2 febbraio 1838 e dopo aver compiuto gli studi classici, si era laureato brillantemente in lettere presso l’Università di Torino. Era stato da poco nominato professore di latino presso il Regio Collegio di Asti, quando scoppiò la II guerra per l’indipendenza. Fece subito la sua scelta: si arruolò volontario come soldato semplice e al termine di quella campagna si era già guadagnato i gradi di tenente. Venne in seguito inviato ad assediare con l’esercito piemontese, nella fortezza di Gaeta, i Borbonici già sconfitti da Garibaldi in Sicilia e sul Volturno. Il coraggio dimostrato durante questa impresa valse al nostro patriota la promozione a luogotenente e una medaglia d’argento al valor militare. In seguito si distinse in Sicilia nella lotta contro il brigantaggio e con il grado di capitano di fanteria, partecipò alla III guerra d’indipendenza. Aveva ormai davanti a sè una brillante carriera militare ed era già stato promosso tenente colonnello, quando preferì ritirarsi a vita privata a Firenze, dove morì il 15 novembre 1894. 

Il suo ricordo è giunto vivo fino a noi grazie alla figlia, che fece ristampare nel 1961 un opuscolo autobiografico del padre: “Ricordanze della guerra per l’indipendenza italiana 1860-61” già pubblicato a Firenze nel 1895. 

Si tratta di un avvincente diario, fatto di pensieri scritti sui campi di battaglia, che rivelano tutto l’entusiasmo del giovane ufficiale. Esaminiamone qualche brano. 13 settembre 1860. 

L’esercito piemontese aveva invaso lo Stato Pontificio, e nei pressi di Pesaro, stava aprendosi il passaggio verso sud a colpi di cannone. Antonio Arietti annotava nel suo diario: “Io mi trovava in prima linea. Questo fuoco vivo e incessante mi riempì l’animo di furore…”. Il diario di questa giornata si conclude così: “Domani moveremo verso Ancona. Là sarà l’osso duro da rodere. Ma abiamo buoni denti. Come sono felice di poter contribuire anch’io al grande edifizio dell’Unità Italiana!”. Ma il contributo che egli apporta non è fatto soltanto di entusiasmo, di belle parole, di retorica. E’ fatto soprattutto di rischi, sofferenze, fatiche al limite della sopportazione. Il 17 settembre si trova accampato ad Osimo e rivela: “Questa volta mi sento realmente spossato…Non avrei mai creduto di poter resistere a tali fatiche”. Il giorno dopo avrebbe una ragione in più per essere stanco, c’è stato un duro combattimento, ma il tenente Arietti si limita a fare questo commento: “Arrivarono da noi 500 prigionieri fra cui tre ufficiali. La popolazione li fischiò e fece male. Non si deve mai insultare ai vinti!”. 

Lo stesso senso di umanità egli dimostra quando nelle pause tra un combattimento e l’altro, si reca a visitare i feriti. Ma non sono soltanto i suoi soldati quelli che lo vedono sostare accanto al loro giaciglio. Scrive infatti: “Andai pure a vedere i feriti nemici che fecero molta compassione, e soprattutto un povero soldato tedesco, a cui era stata amputata una gamba, e le cui esclamazioni ripetute di – Jesus Mària! Jesus Mària- mi lacerarono il cuore”. 

C’erano per fortuna dei momenti di distensione, durante i quali poteva soffermarsi ad ammirare le bellezze naturali: “Che magnifico sole! che belle campagne! che aria balsamica!”. Ma vi era soprattutto la gioia di essere accolti nelle città come dei liberatori. Ancona lo entusiasmò in modo particolare: “…La città era tutta illuminata; tutte le finestre imbandierate….Mi colpì soprattutto una bellissima lampada su cui brillava la parola scritta in grossi caratteri: Finalmente!”. Poi l’esercito partì per l’Abruzzo e se i pericoli dei combattimenti erano leggermente diminuiti, aumentavano invece i disagi delle lunghe trasferte: “Abbiamo fatto una marcia di 15 miglia molto faticosa….Benedetta la tenda e la paglia quando se ne può avere!….Abbiamo fatto più di 20 miglia sotto una sferza canicolare….Marciammo per 15 miglia di seguito, senza fermarci mai, sempre sospinti dalla bufera…. Stassera sono stanco davvero. E domani dovremo fare una marcia ancora più lunga! Non importa: avanti sempre! Questi sacrifici non saranno inutili….”. Anche in Abruzzo l’accoglienza della popolazione fu entusiasmante: “Fummo accolti festosamente dappertutto….”. 

Non c’era tempo però per lunghe soste, bisognava subito rimettersi ad arrancare su per le giogaie dell’Appennino, nella faticosa marcia di avvicinamento a Gaeta. Il 21 ottobre ecco di nuovo il tenente Arietti confrontarsi con la dura realtà della guerra. Si trova ad Isernia.: “Che orrore! Case bruciate, porte scassinate, botteghe svaligiate; le strade piene d’acqua che s’era adoperata per estinguere gli incendi, insomma una città saccheggiata. Mi colpì soprattutto la rovina del palazzo Jadopi, di cui non rimanevano più in piedi che le mura. Gli autori di tante scelleratezze furono i soldati borbonici, specialmente i gendarmi, e più di tutti i contadini (cafoni) inferociti ed aizzati dal partito sanfedista. Si fecero veri massacri. 

Non pochi Garibaldini furono scannati”. Qui l’atmosfera era meno festosa intorno all’esercito piemontese, anzi non lo era per niente: “Il paese fu muto al nostro passaggio”. Dopo qualche giorno di marcia ecco nuovamente Arietti vicino alla linea del fuoco. Il 30 ottobre annota nel suo diario: “Ho fatto il mio testamento e sono tranquillo. Ieri ebbi la promozione a luogotenente nel 24° fanteria, e fui assegnato alla prima compagnia. Ora mi trovo proprio in prima linea”. 

Il pericolo evidentemente non lo turbava, dal momento che mentre intorno a lui rimbombavano le cannonate, egli sentiva il desiderio di leggere qualche passo della Divina Commedia: “Lessi due canti di Dante che gustai e sentii molto”. Il 10 novembre è in vista Gaeta: “Sento di qui il suono delle trombe e il rullo dei tamburi, e mi pare proprio di udire le voci degli assediati”, comunque assicura di aver dormito “benissimo, malgrado il rombo delle artiglierie”. Il 28 novembre arriva l’ordine di raggiungere gli avamposti al monte dei Cappuccini, il giorno dopo la sua compagnia è la prima ad essere impegnata per fronteggiare un attacco dei soldati borbonici. Ecco come descrive l’episodio: “Appena giorno, si sente un fuoco fitto di fucileria. Che è questo? Ci siamo: avanti! I piccoli posti erano stati attaccati. La mia compagnia si avanza per la prima…Mi trovai proprio di fronte al nemico…La Piazza vomitava fuoco e una fitta grandine di fucileria ci fischiava alle orecchie. Io corsi gravi pericoli…I soldati tutti si diportarono eroicamente. Io pure credo d’aver fatto il mio dovere”. 

Sicuramente Arietti fece ben più del suo dovere, perchè fu proprio in tale circostanza che si guadagnò la medaglia d’argento al valor militare. E il suo dovere continuò sempre a farlo tra rischi continui che egli descrive con distacco, quasi scherzando: “Stasera la passeremo al Cimitero. Così, nel caso, non occorreranno spese per i funerali…”. Gaeta si arrende il 13 febbraio 1861 e la felice coclusione dell’assedio fece esultare di gioia il luogotenente Arietti: “Gaeta è nostra. Tutto è finito, e ringrazio Iddio dal più profondo del cuore”. 

Ora egli avrebbe potuto godersi qualche giorno di pace nell’incantevole golfo di Napoli, ma evidentemente  non amava la vita comoda, quindi nel suo diario esprime l’insoddisfazione per l’ozio forzato a cui è costretto: “Come sono annoiato da questa inerte vita”. 

Il 19 marzo vi fu la proclamazione del Regno d’Italia, avvenimento che fu salutato a Napoli con “101 colpo di cannone”. Nel diario egli aggiunge: “Oh quando il  Regno d’Italia avrà la sua capitale!”. Ecco il suo grande desiderio, continuare la lotta fino alla liberazione di Venezia e Roma. Per questo, quando sarà destinato al presidio di Cesena, scriverà a conclusione delle sue pagine di diario: “Se invece di andarmi ad annoiare a Cesena, potessi partire per una nuova campagna per Roma o per Venezia, come sarei contento!”. 

E così sarà. Partecipando alla III guerra per l’indipendenza contribuirà a cacciare gli Austriaci da Venezia e potrà anche vedere Roma capitale del Regno d’Italia.   

Commenti

Blogger: Fabrizio Bacolla

Fabrizio Bacolla
Curiosità Storiche

Leggi anche

Speruma!

Speruma! In questi giorni ho incontrato l’amico Fervido, grande ottimista che mi ha detto di …

SETTIMO. Signore e signori

Vedendo così tante donne agli incontri per le elezioni amministrative (un pubblico che di solito …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *