Home / Piemonte / Alessandria / ALESSANDRIA. I piatti di sciolgono col caldo, sequestro alla mensa scolastica

ALESSANDRIA. I piatti di sciolgono col caldo, sequestro alla mensa scolastica

Piatti di plastica che si scioglievano col caldo. Succedeva nella mensa di una scuola media di Casale Monferrato: materiale biodegradabile che non reggeva alle temperature e finiva per fondersi con i cibi serviti ai giovanissimi studenti. Finché non sono intervenuti i carabinieri del Nas di Alessandria. Merito di una mamma, che si è rivolta all’Arma dopo avere ascoltato i racconti della figlia.
I militari, sotto la guida del comandante Biagio Fabrizio Carillo, hanno messo sotto sequestro quattromila piatti, che saranno analizzati dai tecnici di Arpa Piemonte. L’azienda distributrice, che ha sede nel Cuneese, verrà multata: per il momento sono emerse violazioni delle norme sull’etichettatura.
Nessuna sanzione invece verrà inflitta al servizio ristorazione scolastica che non è stata coinvolta nel caso. “Il Comune e la ditta che prepara i pasti – dichiarano il sindaco Titti Palazzetti e l’assessore Ornella Caprioglio – non hanno alcuna responsabilità e non erano mai state portate a conoscenza della problematica. Siamo dispiaciute che l’episodio non sia stato segnalato anche a noi: in ogni scuola c’è una Commissione mensa, formata da genitori e insegnanti, che è in contatto diretto con l’assessorato all’istruzione. Da parte nostra c’è sempre la più sollecita volontà di collaborare per fornire ai ragazzi pasti di alto livello”.
Un esperto interpellato dall’ANSA, agente per il Nord Italia di una grande azienda di piatti e stoviglie compostabili, spiega che i prodotti di questo genere sono di qualità variabile: “Quelli buoni resistono al calore e all’umidità ma costano un po’ di più. Gli altri si sfaldano e si piegano subito. I piatti compostabili (cioè non solo biodegradabili ma pure trasformabili in fertilizzante compost, ndr) sono fatti di polpa di cellulosa e sono ‘made in Cina’. In Italia, tranne una piccola ditta, non ci sono produttori”. “Se negli appalti per le mense scolastiche vengono imposti prezzi troppo bassi – afferma l’operatore – può accadere che fornitori per spendere meno risparmino sulla qualità”.
Mauro Bianco, presidente di Coldiretti Alessandria, ribadisce “la necessità di continuare a investire sull’educazione alimentare a partire dalla scuola, dove va privilegiato il consumo di prodotti salutari”. Il direttore provinciale, Roberto Rampazzo, ricorda che Coldiretti è impegnata nel progetto ‘Educazione alla Campagna amica’, con lezioni in fattorie didattiche e laboratori del gusto, che nel territorio della provincia di Alessandria coinvolge numerosi studenti.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

TORINO. Alpinista ferito in Pakistan, corsa contro il tempo

“Cima! Cala è riuscito a salire l’inviolato”. Carlalberto Cimenti detto Cala, uno degli alpinisti italiani …

TORINO. Incidenti montagna: alpinista piemontese ferito in Pakistan

Un alpinista piemontese, Francesco Cassaro, di professione medico, è rimasto ferito ieri in un incidente …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *