Home / BLOG / Agnolotti del plin con Barbera Terre del Creario DOC

Agnolotti del plin con Barbera Terre del Creario DOC

Gli agnolotti del plin rappresentano un tipico promo piemontese,  originariamente  in particolare della zona delle Langhe, del Monferrato e ora in tutto il territorio regionale. Si tratta di una pasta fresca, farcita tendenzialmente con carne brasata, dalle dimensioni ridotte e dalla forma specifica. La ricetta classica non prevede la creazione di agnolotti di magro: nel caso vengano prodotti sono comunque denominati ravioli. Nonostante ogni famiglia abbia la sua personale interpretazione del ripieno, la chiusura non viene mai modificata: la forma è rettangolare e viene fatto un piccolo pizzicotto, “plin” in dialetto piemontese, per chiudere i ravioli.La pasta per gli agnolotti viene tirata finissima, così da renderla plastica e resistente alla cottura, avendo una lavorazione particolare. Il caratteristico spessore permette, inoltre, di far intravedere la farcia, caratteristica esplosione di sapore. Questi gli ingredienti per una eccellente preparazione dei “plin”:

Ingredienti per 4 persone

200 g di lonza di maiale

200 g di vitello

100 g cipolla bianca

200 g di carote

1 gamba di sedano

40 g parmigiano reggiano grattugiato

1 uovo

Brodo vegetale q.b.

Pepe nero, sale e olio extravergine di oliva q.b.

Preparazione: In un tegame capiente con un po’ d’olio fate rosolare  bene la lonza e la polpa di vitello. Aggiungete quindi le carote, il sedano e la cipolla tutte tagliate finemente. Dopo un paio di minuti  aggiungete un mestolo di brodo vegetale, salate e pepate e lasciate cuocere ancora lentamente per un’ora, aggiungendo brodo se necessario. Quando le carni saranno cotte, toglietele, lasciatele raffreddare e conservate il fondo di cottura che servirà per condire i plin. Tagliate a pezzi la carne e mettetele nel mixer insieme alle verdure. Togliete e mettete in un recipiente la carne con il formaggio, l’uovo e mescolate bene. Avrete pronto il ripieno da inserire nella pasta tagliata a rettangolo e ripiegata su sé stessa nel senso della lunghezza e poi pizzicata per ottenere la classica forma. Cuocete i plin per pochi minuti, conditeli con il fondo di cottura delle carni e servite  subito ben caldi.

Abbiniamo questo splendido piatto ad un ottimo Canavese Barbera Doc della  Cantina Terre del Creario i cui vitigni sono coltivati nella bellissima cornice collinare che ha al centro il Santuario di Belmonte. Questo barbera, da una autoctona piemontese, si presenta di color rosso rubino; al naso esprime aromi fragranti e fruttato e al palato si riscontra la buona struttura, con leggeri tannini e vivace freschezza.

Commenti

Blogger: Maurizio Braghiroli

Maurizio Braghiroli
Ricette reali

Leggi anche

LANZO – Una mostra fotografica sul mercato nel mondo attraversa il centro storico e raggiunge il parco naturale del Ponte del Diavolo

Simili eppure tutti diversi. Sono i mercati del mondo: luoghi pieni di vitalità, di incontri …

Da pata a tarlucco

Da pata a tarlucco Pata in piemontese indica uno straccio cencioso o una garza. Da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *